giovedì 26 febbraio 2015

Sfida con se stessi

Nello sport a livello amatoriale chi non ha possibilità di competere con i migliori ripete spesso che la vera sfida non è contro gli altri ma contro se stessi. Sagge parole, che consentono di trovare continuamente nuovi stimoli per migliorarsi sempre di più. Oggi ho ingaggiato un duello all'ultimo sangue con la mia ombra, e sono certo di averla battuta, anche se quella ostinata si è appellata alla giuria ed ora tocca aspettare il responso del fotofinish.

domenica 15 febbraio 2015

Maschera di carnevale

La bici da triathlon si sentiva trascurata da diversi mesi di inattività e così oggi ho deciso di portarla a fare un giretto di un paio d'ore. Belle sensazioni ed ottima velocità, soprattutto considerando che siamo in pieno inverno. Terminata la pedalata qualche chilometro a piedi, giusto per cominciare a ricordarmi cosa significa correre con le gambe pesanti ed affaticate. E solo mentre rientravo in casa mi hanno fatto notare l'abbinamento cromatico che avevo scelto; ad averci pensato prima avrei potuto partecipare alla sfilata di carnevale del pomeriggio travestito da puffo.

sabato 7 febbraio 2015

Le ultime parole famose

Anche se ho appena montato i copertoni nuovi prendo le ruote belle, tanto anche se il cielo è coperto le strade dovrebbero essere pulite ed asciutte...

giovedì 5 febbraio 2015

Perchè non mi piace l'inverno

Le giornate più corte, il freddo, la pioggia, la neve, il vento ed altre avversità metereologiche sono solo piccoli dettagli facilmente superabili. La vera cosa che non mi piace dell'inverno sono le foglie che rinseccano e cadono: perchè durante la corsa in caso di improvvise necessità fisiologiche nella bella stagione è facile nascondersi dietro un cesuglio e recuperare foglie ampie e morbide per espletare le ultime formalità, mentre in questo periodo è tutto più complicato.

sabato 31 gennaio 2015

Grappa invernale

I veri uomini mantengono sempre fede alle proprie promesse, e così, nonostante abbia deciso di concedermi almeno un mese senza stress agonistici, mi sono messo ugualmente alla prova. Quasi due ore di salita sono uno sforzo cui ancora non sono pronto, ma ho tenuto duro fino in vetta, e ne è valsa la pena, perchè il freddo ed il vento hanno pulito il cielo regalando panorami mozzafiato. E se in salita le calorie prodotte dall'oganismo rendevato le condizioni meteo sopportabili, in discesa è stata una piccola odissea: per tre volte mi sono dovuto fermare a scaldare le dita delle mani che ormai non riuscivano più a tirare i freni ed i piedi hanno ripreso sensibilità un paio d'ore dopo. Ma senza le difficoltà, non sarebbe stata un'avventura da raccontare !

giovedì 22 gennaio 2015

Sfida

Monte Grappa resisti, non ti muovere, copriti bene e non prendere troppa neve, che presto tornerò a sfidarti !

domenica 18 gennaio 2015

Chiusura stagionale a Vittorio Veneto

Ancora fango appiccicoso e sdrucciolevole, ma il percorso di Vittorio Veneto è sul fianco della collina, quindi le difficoltà si moltiplicano con le salite e le relative discese, molte delle quali da fare bici in spalla. Ed ancora una volta, su un percorso difficile e pesante, esce un fantastico 13° posto (23 partenti) che mi riempie di soddisfazione; peccato che fosse l’ultima gara stagionale, proprio adesso che cominciavo a divertirmi ed a portare a casa risultati. E giuro che la prestazione è tutta farina del mio sacco, la visita al Santuario di S.Antonio a Padova di ieri non c’entra assolutamente nulla.